martedì 14 aprile 2015

Paesaggio miracoloso

 

Paesaggio miracoloso

Paul Klee, Paesaggio miracoloso, 1920
New York, Museum of Modern Art

.

.

 

PAUL ÉLUARD

PAUL KLEE

Sul fatale pendio il viandante approfitta
del favore del giorno, glaciale lastra senza ciottoli,
e, occhi azzurri d’amore, scopre la sua stagione
che porta ad ogni dito grandi astri inanellati.

Il mare ha abbandonato le orecchie sulla spiaggia
e la sabbia ha scavato la platea di un delitto.
Il supplizio è più duro ai boia che alle vittime
sono presagi i coltelli, i proiettili lacrime.

2 commenti:

annamaria ha detto...

La dolcezza di questa poesia porta la serenita' nell'animo(poesieinsmalto)

Calogero Mira ha detto...

Serenità, ma anche riferimento ai boia.